Caratteristiche dei defender per serrature e come scegliere i migliori

Perché proteggere le serrature con un defender o corazza anti effrazione?
Lo sapevate che anche il rotore o guida chiave è fondamentale in un defender?

Proteggere serrature a doppia mappa e con cilindro europeo su porte blindate e serramenti in genere è diventata una necessità, oggi come non mai la priorità è quella di proteggere il nottolino o la bocchetta di ingresso delle chiavi su qualsiasi tipologia di serrature con lo scopo di allungare tangibilmente i tempi di effrazione ed apertura di una serratura o atti di vandalismo prodotti dai ladri scassinatori o malviventi.
Gli atti di vandalismo includono anche il tentativo di inserire corpi estranei nella serratura o colla, pertanto l’applicazione di un defender ad alta classe di sicurezza permette di distanziare ed impedire l’ingresso di oggetti minuti e dannosi facilmente introducibili (colla Attak, carta stagnola, stuzzicadenti, spilli), che danneggiano la serratura e ne impediscono, agli utilizzatori, l’inserimento delle chiavi.
A tal fine i migliori defender per serratura hanno il rotore di inserimento della chiave popolarmente detto guida chiave molto profondo, di conseguenza anche i migliori cilindri hanno chiavi con gambo ed impugnatura lunghi.
Veramente poche sono le protezioni per serrature adeguate allo scopo, infatti nonostante siano fondamentali anche le caratteristiche già conosciute e tanto ricercate dai clienti in internet come defender antitubo, antishock ed antistrappo, la lunghezza adeguata del rotore racchiude anche i più sofisticati sistemi anti fresa ed estrazione dello stesso rotore durante le operazioni di scasso più aggressive.

I rotori più lunghi detti anche maggiorati sono inseriti in doppie protezioni o inserti anti fresa ed estrazione. Caratteristica quest’ultima che porta ad un livello ancor più alto il tanto dichiarato classe 4 nei defender anti effrazione, che ha di certo un suo valore, ma non significa il completo raggiungimento della massima soluzione disponibile al momento nel settore delle protezioni defender. Diversa invece e la classe di sicurezza dei cilindri europei che racchiude 6 gradi o livelli di sicurezza suddivisi in un altra tipologia di scala con altri criteri di valutazione.
Attualmente i defender con i rotori più profondi e con doppi inserti in manganese anti estrazione vengono prodotti dalla prestigiosa azienda Azzi Fausto; i quali prodotti sono da me trattati nell’intera gamma completa da catalogo.

Altro ruolo fondamentale del rotore profondo nella tecnica manipolativa è quello di mettere fuori uso il tensore di rotazione quando sono applicate tecniche di key bumping e di picking con il grimaldello elettrico. Per approfondire si invitano i lettori a leggere la pagina tecniche di effrazione.

A cosa servono i defender magnetici?

Defender magnetico: dispositivo di copertura del rotore o della bocchetta guida chiave delle serrature

Il defender per serrature che include una seconda protezione utilizzata per coprire il foro di passaggio delle chiavi d’utilizzo della serratura, prende il nome di defender magnetico, prodotto che ha lo scopo di impedire l’inserimento di oggetti estranei oppure di permettere a chi ha in prestito le chiavi d’utilizzo della serratura (parenti, domestica, baby sitter, ospiti) di accedere all’ingresso per il periodo concesso dal padrone di casa.
Il defender magnetico va attivato (aperto) con una nuova serie di chiavi dette appunto chiavi magnetiche, il sistema completo di serratura e defender magnetico va quindi utilizzato con due serie distinte di chiavi: le chiavi d’utilizzo della serratura e le chiavi magnetiche di copertura del rotore. Per molti questa è una soluzioni a costi contenuti per avere 2 serrature o meglio 2 chiusure per un’unica porta o accesso. L’attivazione del magnete viene svolta per contatto e trascinamento per mezzo delle chiavi accostate alla copertura del rotore.

I prodotti che derivano dalla categoria dei defender magnetici più utilizzati sono i defender Disec, pretigiosa azienda produttrice, e rispettivamente il defender Mg 220 per doppia mappa ed il defender Magnetico Monolito Mrm 29 per porte blindate, quest’ultimo regolabile in profondità. Prodotti anche questi sempre disponibili per i miei clienti.

Il sistema anti strappo nei defender antishock

 

Una delle tecniche di effrazione di tipo distruttivo e di grande efficacia è lo spezzamento e strappo del defender con la potente leva e presa fornita dal tubo innocenti, famoso per le applicazioni infinite nel settore della carpenteria. Quando si parla di defender anti tubo si parla di un prodotto che non subisce uno shock o strappo improvviso e quindi una veloce effrazione, per evitare che si verifichi la presa del corpo cilindrico di una protezione defender e quindi il probabile strappo del cilindro sottostante, occorre applicare degli accorgimenti costruttivi.

I defender anti tubo ed anti strappo certificati sono costruiti in acciaio temperato e adottano 2 tipologie di anti shock, la prima è la forma tornita o stampata semi sferica o a gradini sulla parte cilindrica sporgente ed esterna del corpo della protezione, la seconda è la forma della mostrina di contorno del defender di tipo a vaschetta, la quale crea un ponte ed un corpo unico con il defender e la base di appoggio della serratura.

La parola appoggio è molto importante in quanto fra professionisti si parla anche di defender d’appoggio, accostare il defender direttamente alla serratura significa formare un unico blocco ancorato ai fissaggi della porta laddove è installata la scatola principale della serratura, in questo modo il sistema ostacola le più violente tecniche di estrazione e distruzione del cuore delle serrature. Serratura, lamiera della porta, cilindro e defender in un unico e saldo ancoraggio sono estremamente difficili da espugnare.

Ricordiamo che in Italia la ditta Disec ha brevettato il sistema Sferik (forma semi sferica) dei propri defender anti tubo mentre la ditta Azzi Fausto ha brevettato una soluzione analoga e molto efficace a forma a tronco di cono a gradini. Questi due brevetti sono presi come standard qualitativo e sempre applicati alla produzione di defender ad alto livello di sicurezza. L’acquisto quindi di un buon defender non può non includere una di queste due forme caratteristiche, fondamentali per contrastare la presa e lo strappo con il tubo innocenti.